WRC: Scandola è influenzato e salterà il Rally di Svezia

Giacomo Rauli
motorsport.com

Umberto Scandola, Guido D'Amore e il team Hyundai Rally Team Italia avrebbero dovuto prendere parte al Rally di Svezia, secondo appuntamento del WRC 2020 dopo aver già corso al Rallye Monte-Carlo, invece saranno costretti a dare forfait.

La mancata partecipazione al rally scandinavo è dovuta allo stato di salute del pilota veronese. L'influenza che lo ha debilitato nelle ultime ore lo terrà in Italia. Anche i medici che lo hanno visitato hanno consigliato a Umberto di rimanere a casa per curarsi e tornare in piena forma.

Ad annunciare la mancata partecipazione di Scandola al Rally di Svezia è stata la sua squadra, il Hyundai Rally Team Italia, tramite un breve comunicato stampa.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

"A malincuore Hyundai Rally Team Italia annuncia che non sarà al via del 68° Rally Sweden dal 13 al 16 febbraio 2020: problema di salute che ha colpito il pilota Umberto Scandola".

"Alla vigilia della trasferta per il secondo appuntamento del Campionato del Mondo Rally, il pilota veronese si è dovuta arrendere, un ulteriore controllo medico ha confermato una seria influenza virale che proprio nelle ultime ore ha debilitato lo stato di forma di Umberto".

Queste invece le dichiarazioni del nativo di Erbezzo: "Ho continuato a sperare che i fastidi dell’influenza e della febbre che mi hanno colpito a metà settimana potessero passare, ma in realtà ho dovuto iniziare una cura antibiotica su consiglio del medico. Mi spiace perché ero molto contento di ritornare in Svezia, pronto a capitalizzare l’esperienza acquisita in questa gara che ho corso nel 2018 e per lottare con i migliori del WRC3".

"Assieme al team stavamo monitorando l’evoluzione del rally e del suo percorso dopo le scarse nevicate e avevamo valutato diverse scelte di set-up per affrontare al meglio la gara con la nostra Hyundai i20 R5 #32 gommata Michelin. Poi questo problema di salute, arrivato anche in un momento dove in tutte le nazioni è aumentata l’attenzione alle forme influenzali, ci ha obbligato a rinunciare. Anche solo per la concentrazione e i riflessi richiesti da un rally molto particolare, che si corre con medie superiori ai 110 km/h, abbiamo deciso in comune accordo con la squadra e i nostri partner che non era il caso di prendere rischi eccessivi”. 

Se il dispiacere di non partecipare al Rally di Svezia è alto, Scandola e D'Amore potranno però recuperare la gara nel WRC3 prendendo parte al Rally di Portogallo, previsto dal 21 al 24 maggio. Ricordiamo inoltre che Umberto correrà sempre con il team Hyundai Rally Italia anche al Rally italia Sardegna e al Rally del Galles Gran Bretagna, entrambe le prove valide per il WRC3.

In questi giorni il team definirà anche un programma che porterà Scandola e D'Amore a prendere parte ad alcune gare del Campionato Italiano Rally 2020.

Potrebbe interessarti anche...