Yamaha penalizzata di 50 punti, salvi i piloti

Adx
·1 minuto per la lettura

Roma, 5 nov. (askanews) - Penalizzazione per la Yamaha e i suoi team. Gli steward della MotoGp hanno riscontrato da parte della casa giapponese una violazione del protocollo che autorizza le modifiche tecniche solo dopo l'approvazione unanime della Msma. La Yamaha è così stata sanzionata con una penalità di 50 punti nel Mondiale costruttori: -20 per la Monster Energy Yamaha MotoGP il team di Vinales e Rossi , -37 per la Petronas SRT di Morbidelli e Quartararo. Salvi i piloti, che non vedono così compromessa la corsa al titolo iridato. Un terremoto a tre gare dalla conclusione. La FIM la Federazione internazionale di motociclismo aveva aperto un'indagine sui motori della Yamaha usati nel primo Gran premio di Jerez, vinto da Quartararo, davanti a Viñales e Dovizioso. La notizia, rilanciata in Italia dalla Gazzetta dello Sport, poteva avere ripercussioni sulla lotta per il titolo. Ma si è deciso di evitare la squalifica per i piloti che hanno usati i motori, con la conseguente perdita dei punti guadagnati: Quartararo ne avrebbe persi 25, Viñales 20, Morbidelli 11; Rossi invece, fermato dalla rottura del stesso propulsore in gara, sarebbe rimasto comunque a zero. La classifica non dovrebbe subire scossoni. Mir è attualmente al comando con 137 punti con 14 di vantaggio su Quartararo. Viñales, al momento è quarto davanti a Morbidelli.