Zaniolo all'Europeo? Medico cauto: "Quattro mesi per riprendersi"

Il giocatore della Roma ha lasciato Villa Stuart in mattinata, inizia il recupero: "Starà alla società stabilire il resto".
Il giocatore della Roma ha lasciato Villa Stuart in mattinata, inizia il recupero: "Starà alla società stabilire il resto".

Una fatalità. Imprevisto che lo renderà più forte. Nicolò Zaniolo in lacrime, come tutto il tifo calcistico italiano. Il centrocampista della Roma ha subito la rottura del crociato nel match contro la Juventus e l'operazione che lo riporterà in campo probabilmente solamente nella prossima stagione. All'Europeo? Sarà dura.

"Secondo il mio protocollo, il tempo di ripresa è di quattro mesi. Poi starà alla società stabilire il resto".

Tradotto, Europeo difficile. Il ginocchio di Zaniolo sarà guarito a metà maggio, ad un mese dall'Europeo. Troppo tardi? Si vedrà, visto e considerando che la preparazione atletica post recupero dovrà essere lenta e senza sforzi per evitare nuovi gravi ricadute.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Una gara di tale importanza dopo poche settimane appare veramente difficile da pronosticare. La Roma non vuole correre rischi e nemmeno il giocatore. In più Mancini è consapevole che per un Europeo in cui tutta Italia crede tantissimo ci vorranno solamente giocatori al 100%.

Certo c'è il precedente di Totti nel 2006, ma secondo Mariani l'ex capitano della Roma era un'altra cosa a livello psicologico:

"Aveva un atteggiamento ironico, Zaniolo non ha quel senso dell’umorismo, ma ha dimostrato tanto coraggio. Già il giorno dopo mi diceva: 'Andiamo dottore, io sono pronto'. Non vedeva l’ora di operarsi”.

In ogni caso una percentuale di vedere Zaniolo al top a fine maggio esiste:

"Io seguo l’atleta per tre mesi, lo riconsegno come una macchina quasi pronta. Il collaudo dura altro tempo e a quel punto la riatletizzazione che dipende da altri fattori dove io non intervengo".

Potrebbe interessarti anche...