Zaniolo, niente Nazionale e rinnovo in bilico: 'Rispetto le scelte del ct, ma sono a disposizione'

Una alla sosta. Poi ci si siederà, si valuterà quanto fatto finora e magari si riparlerà di rinnovo. Senza Nazionale però, non al momento almeno. Nicolò Zaniolo stringe i denti col Torino nonostante lividi e dolori alla coscia che si porta dietro dalla gara col Verona. In casa in campionato non segna addirittura dal 2 gennaio 2019 (contro il Napoli). Domenica spera di interrompere un digiuno infinito. Non lo farà in Nazionale. Perché? Non per scelta del giocatore secondo quanto si legge sul suo profilo Instagram: "In queste settimane ho dovuto fare i conti con un colpo subito a VAerona e un conseguente ematoma che non mi ha permesso di essere al 100%. Nonostante ciò ho sempre cercato di stringere i denti e di mettermi a disposizione del mister e dei miei compagni. Mi è dispiaciuto leggere che non sarei disponibile per la Nazionale. Come sempre rispetterò le scelte del ct Mancini ma non ho mai pensato di risparmiarmi e di non rispondere a un eventuale chiamata". Ora sta a Mancini ma difficile ci sia contro contro Albania e Austria quindi.

RINNOVO - Durante la sosta si parlerà di rinnovo ma al momento non risultano passi importanti verso l’intesa. Il rendimento di Nicolò non è considerato al momento da top player per la Roma che non vorrebbe arrivare ai 5,5 milioni (inclusi bonus) chiesti dal giocatore. Anzi si punterebbe a 1 milione in meno. Si studierà una formula con bonus a salire, cercando di farlo in tempo visto il contratto in scadenza nel 2024. Ma non è detto che arrivi entro la fine dell’anno solare.