Zeman: "Calcio femminile? Di solito donne in Italia stanno in cucina"

webinfo@adnkronos.com
Adnkronos

"Certamente il calcio femminile oggi è in grande sviluppo in Italia. Ho visto la partecipazione dell'anno scorso al Mondiale. Speriamo vada sempre più avanti. In Italia c'è il problema del calcio maschile, le donne venivano sempre dietro nel calcio. Vediamo se il calcio femminile riuscirà a fare un passo in avanti. È un problema anche di cultura. Di solito in Italia le donne stanno in cucina. Non se questo è grave, certo è che i maschi devono mangiare". Così Zdenek Zeman, oggi a Coverciano, a margine della cerimonia di consegna della 'Panchina d'Oro', ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano cosa pensasse del calcio femminile in Italia, che quest'anno ha finalmente ricevuto l'attenzione del grande pubblico e la sua consacrazione con la Nazionale che ha raggiunto i quarti di finale al Mondiale in Francia. 

Il tecnico boemo si è soffermato anche sulle polemiche che hanno fatto da sfondo a Juventus-Fiorentina: "Le ho sentite, ho visto anche la partita" e quelli dati alla Juve "sono due rigori che si possono dare, lo hanno deciso gli arbitri ed il Var. Ripercussioni su Fiorentina e Commisso dopo suo sfogo? Non credo, tanto poi alla prossima partita la Fiorentina vince e non ci sono problemi. Prima chi si lamentava di più poi aveva dei vantaggi. Oggi penso che è difficile. La Var, se usata nei modi giusti, aiuta a decidere le cose", ha proseguito il boemo. "Tutti hanno dichiarato che la Juventus ha una rosa superiore alle altre, però poi le partite si devono sempre giocare, cominciano tutte da zero e chi ce ne ha di più, poi vince". 

"Nel sistema calcio italiano il problema è che si parla sempre meno di calcio e si parla più di altre cose, cose economiche, dove si può guadagnare di più. Io penso che il calcio rimane sempre uno sport dove non si deve pensare a guadagnare ma se fai lo sport bene si guadagna", ha sottolineato Zeman. 

 

 

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...