De Zerbi attacca: "Il secondo gol dell'Inter nasce da un rigore non fischiato, l'arbitro Irrati non mi piace"

Niccolò Mariotto
·1 minuto per la lettura

Roberto De Zerbi non ci sta. L'allenatore del Sassuolo ha rilasciato alcune dichiarazioni alla stampa dopo il match contro l'Inter di ieri puntando il dito contro l'arbitro Irrati, reo a suo avviso di aver condotto la gara in modo più che discutibile.

Roberto De Zerbi | Marco Luzzani/Getty Images
Roberto De Zerbi | Marco Luzzani/Getty Images

Il tecnico della formazione emiliana si è soffermato in particolare sul secondo gol dell'Inter che è nato da un contropiede innescato da un fallo su Raspadori in area nerazzurra che né l'arbitro Irrati né il VAR hanno fischiato: a suo modo di vedere il penalty era palese.

"Il contatto su Raspadori per me è rigore, lui tenta di non cadere ma se lo tiri alla fine cade. Comunque Irrati a me non piace come arbitro, al di là di oggi. Vero che il secondo gol è arrivato in contropiede ma nasce da un rigore non dato, non è stato un vero contropiede. Noi siamo questi, non è una vergogna prendere gol in contropiede se stai facendo la partita. È un segnale positivo, significa che abbiamo idee e che siamo propositivi", queste le dichiarazioni di De Zerbi a La Gazzetta dello Sport.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Serie A.