Zhang ha fissato la data per il ritorno a Milano: nodo stipendi e cessione Inter

Emiliano Angelucci
·1 minuto per la lettura

Il ritorno del presidente Steven Zhang a Milano è programmato nei primi giorni di aprile, dopo una lontananza di diversi mesi in Cina. Come ormai raccontiamo da tempo, sono due le questioni che il giovane proprietario vuole risolvere. La prima riguarda il nodo degli stipendi arretrati e di alcune rate rimaste in sospeso, come successo per Hakimi. Per via delle difficoltà economiche del club nerazzurro, il Real Madrid ha deciso di congelare il pagamento del giocatore marocchino.

La seconda questione da risolvere riguarda la futura cessione dell'Inter, con il possibile ingresso di un socio di minoranza. Le ipotesi ormai sono tante e la pista più probabile sembra portare verso la cessione al fondo britannico Bc Partners, ma nulla è ancora deciso. Si è parlato anche di un possibile inserimento del fondo saudita guidato da Mohammad bin Salman, come pure di un fondo di debito americano che presterebbe a Suning i soldi necessari per proseguire con la gestione del club per un altro anno. Tutte ipotesi che dovranno essere valutate attentamente dal gruppo cinese.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.