Zhang progetta la cessione dell'Inter entro maggio: avviata la due diligence con Bc Partners

CM
·2 minuto per la lettura

Vendita sì, ma con i giusti tempi. Perché l'argomento, specie in epoca di pandemia e crisi economica, è dei più delicati. La famiglia Zhang ha deciso di cedere le proprie quote dell'Inter - pari a quasi il 70% - e tratta con Bc Partners, fondo inglese che ha sedi anche negli Stati Uniti e in Europa. L'offerta, però, non è imminente: l'azienda di private equity sta svolgendo la due diligence, consueta analisi di documenti e conti per investigare sui bilanci nerazzurri tramite Nikos Stathopoulos, manager che da Londra guida le mosse del fondo. Al momento, secondo quanto riporta il Sole 24 Ore, non ci sarebbero ancora advisor finanziari o legali, con le discussioni gestite da Goldman Sachs, consulente di Suning. Nei prossimi giorni, però, è probabile che il fondo inglese possa scegliere propri advisor.

VALUTAZIONI - La conclusione dell'affare, tuttavia, appare ancora lontana. Sulla possibile cessione societaria già avvenuta piovono smentite da più parti, anche se resta viva - anzi, prende sempre più quota - l'ipotesi di un passaggio di proprietà entro la fine della stagione. Al termine della due diligence, infatti, si arriverà alla valutazione della società, che sarà inferiore al miliardo. A quel punto la trattativa potrà accelerare, con la cessione del 69% di Suning, mentre ai cinesi resterebbe il 31% delle azioni del fondo Lion Rock di Hong Kong, legato a Suning. Da valutare, in caso di nuovi proprietari, le posizioni degli uomini chiave, da Marotta a Conte. CDA STRAORDINARIO - Domani, intanto, è previsto un cda straordinario dell'Inter. Lo riporta il Corriere dello Sport, che spiega come il focus sarà prettamente finanziario, con un occhio particolare ai conti e alle scadenze sul pagamento degli stipendio. Con Steven Zhang, collegato dalla Cina, si parlerà inevitabilmente anche delle intenzioni di Suning per il futuro.

LE DIMISSIONI DI WILLIAMS - Importante retroscena, intanto, svelato dal Sole 24 Ore: alcune settimane fa si è dimesso Tim Williams, Cfo nerazzurro, desideroso di tornare in Inghilterra, il quale ha però trovato un accordo con la proprietà cinese, per il quale resterà all'Inter per il tempo necessario per svolgere le attività necessarie al club come la due diligence.